Logo vegan3000

Hamburger a effetto serra

Ulteriore conferma da un nuovo articolo su Le Scienze di aprile 2009: per diminuire la produzione di gas serra è importante diminuire il consumo di carne.

Nel numero di aprile di Le Scienze sono riportate diverse informazioni e statistiche sul consumo di carne in tutto il mondo, e l'articolo "Hamburger a effetto serra" sottolinea ancora una volta come la produzione di carne - e non solo di carne bovina, ma di tutti i tipi di carne - causi enormi emissioni di gas serra, molto maggiori rispetto ad altri settori di produzione.

L'articolo si conclude con un'esortazione chiara, che purtroppo di solito manca negli articoli sullo stesso tema delle riviste divulgative: quella a diminuire il consumo di carne. L'autore, Nathan Fiala, dottorando in Economia all'Università della California a Irvine, afferma nella conclusione: "Negli Stati Uniti e il resto del mondo sviluppato la gente potrebbe mangiare meno carne, in particolare bovina".

Il dott. Fiala inizia il suo articolo notando come la maggior parte di noi sia consapevole delle conseguenze negative prodotte sull'ambiente dalle auto su cui viaggiamo, dalla'energia che consumiamo in casa o per la produzione industriale, ma invece quasi nessuno si renda conto che "la carne presente nella nostra dieta è responsabile dell'immissione in atmosfera di una quantità di gas serra - anidride carbonica (CO2), metano, ossido di azoto e simili - maggiore di quella immessa dai mezzi di trasporto o dalle industrie".

Eppure questi dati sono noti già da qualche anno: la FAO stessa nel suo dossier del 2006 "Livestock's long shadow" (La lunga ombra del bestiame) attesta come il settore della produzione di carne sia causa del 18% delle emissioni totali di gas serra dovute alle attività umane, una percentuale simile a quella dell'industria e molto maggiore di quella dell'intero settore di trasporti (che ammonta a un 13,5%).

Certamente qualsiasi alimento che consumiamo, sottolinea il dott. Fiala, comprese frutta e verdura, implica dei costi ambientali, ma questi costi per la produzione di frutta e verdura sono niente rispetto a quelli necessari invece per la produzione di carne e altri alimenti animali.

In un rapporto preparato per la città di Seattle, Daniel J. Morgan dell'Università di Washington, ha calcolato che coltivare circa 225 grammi di asparagi in Perù per poi importarli negli USA genera un totale di 91 grammi di gas serra CO2 equivalenti. Ebbene, Susan Subak, economista ecologica all'Università di Seattle ha calcolato, nel 1999, che per produrre 450 grammi di carne di manzo si generano 6,7 kg di gas serra CO2 equivalenti, cioè, a parità di peso, 36 volte tanto rispetto agli asparagi!

Questo è dovuto a vari fattori, viene spiegato nell'articolo su Le Scienze: alle emissioni di metano dei bovini durante il processo digestivo; al "fattore di conversione", cioè al fatto che allevare un animale richiede un'igente quantità di mangime (coltivato appositamente) per unità di peso corporeo; e ai rifiuti prodotti dagli allevamenti.

In merito al rapporto di conversione, l'articolo spiega che nel 2003 Lucas Reijnders, dell'Università di Amsterdam e Sam Soret della Loma Linda University hanno stimato che per produrre un kg di proteine da carne bovina servono più di 4,5 kg di proteine vegetali, con tutte le emissioni di gas serra che implica la coltivazione di cereali per i mangimi.

Le stime del dott. Fiala confermano chiaramente che lo spreco dovuto alla trasformazione vegetale-animale vale per ogni specie: per produrre 450 grammi di carne di maiale si genera l'equivalente di 1,7 kg di CO2, per il pollo 0,5 kg, che sono, rispettivamente, 9 e 3 volte di più rispetto all'impatto della produzione di asparagi, e gli asparagi, tra i vegetali, sono tra quelli a più alto impatto. Il confronto con altri vegetali, più basilari per l'alimentazione umana, è ancora più a favore del consumo di vegetali anziché di carne nella dieta quotidiana delle persone.

Inoltre, i numeri sopra citati valgono per un tipo specifico di allevamenti, quelli che seguono il sistema "CAFO", vale a dire allevamenti intensivi basati sui "recinti da ingrasso". Altri tipi di allevamenti sono anche di molto peggiori, in termini di impatto sull'ambiente: i dati FAO indicano che le emissioni medie mondiali generate per le produzione di 450 grammi di manzo sono diverse volte superiori rispetto alle quantità generate col sistema CAFO.

Eppure, il comsumo globale di carne è in aumento di anno in anno: i dati del World Watch Institute del 2009, sempre riportati sul numero di aprile di Le Scienze, ci dicono che solo dal 2007 al 2008 si è passati da 275 a 280 miliardi di tonnellate di carne prodotta; i tre maggiori produttori che sono la Cina, gli USA e il Brasile. I paesi industrializzati continuano ad avere consumi molto alti, mediamente 80 kg di carne pro-capite l'anno. I paesi in via di sviluppo sono a quota 30 kg l'anno pro-capite, ma lì i consumi stanno aumentando vertiginosamente: il 60% della produzione globale di carne viene oggi dai paesi in via di sviluppo, che copiano il modello profondamente sbagliato e ambientalmente insostenibile dei paesi industrializzati.

Nell'articolo "Hamburger a effetto serra" troviamo anche altri dati interessanti, che confrontano le emissioni CO2 equivalenti derivanti dalla produzione di una data quantità (225 grammi) di vari cibi confrontata con le stesse emissioni di un viaggio in auto. Si scopre così che per la produzione di 225 grammi di patate si emette una quantità di CO2 pari a quella generata dal guidare un'auto per 300 metri. Per la stessa quantità di asparagi, è come guidare la stessa auto per 440 metri. Per la carne di pollo, molto di più: 1,17 km, per il maiale 4,1 km, per il manzo 15,8 chilometri.

Tutto questo è chiaramente non sostenibile, ma la buona notizia è che la soluzione è a portata di mano, e alla portata di tutti. Non dipende dalle istituzioni internazionali o dai governi nazionali, ma solo da ciascuno di noi: diminuire - il più possibile - il consumo di carne e di altri alimenti animali come latte e uova è qualcosa che possiamo fare subito, abbiamo il potere e la responsabilità di farlo.

Fonti: Le Scienze, "Hamburger a effetto serra" e "La produzione di carne", aprile 2009
Fiala N., "Meeting the Demand: An Estimantion of Potential Future Greenhouse Gas Emission from Meat Production", Ecological Economics, vol. 67, n. 3, pp. 412-419, 2008

Tratto da: http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=751



Visitata 1485 volte



Condividi su


 
Ultime ricette inserite
Ultimi articoli inseriti