Logo vegan3000

Bloccato finanziamento pro-carne in USA

USA: il programma per pubblicizzare la carne di manzo con fondi pubblici e' stato annullato.

Recentemente il Dottor Neal D. Barnard, ricercatore impegnato nel campo della medicina preventiva negli Stati Uniti d’America e fondatore del Physicians Committee for Responsible Medicine (PCRM), organizzazione senza fini di lucro che raccoglie medici, scienziati e semplici cittadini con lo scopo di promuovere una migliore salute pubblica, si è fermamente opposto al nuovo programma di promozione del consumo di carne bovina lanciato dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense.

Il programma avrebbe richiesto l’investimento di 80 milioni di dollari. Grazie alla mobilitazione del Dottor Barnard sono state inviate più di mille dichiarazioni di opposizione a tale programma da parte dei membri del PCRM e questo ha fatto ritirare il programma previsto, decretando una vittoria per la prevenzione delle più diffuse malattie croniche dovute all’assunzione di carne.

La vendita e la produzione di carne rossa sono diminuite in questi ultimi anni perché i consumatori sono diventati sempre più consapevoli del legame tra il consumo di carne e le malattie croniche. In termini di salute pubblica, questo è un successo. I medici, i ricercatori e le organizzazioni mediche affermano chiaramente che le conseguenze del consumo di carne sono le malattie croniche e la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito più volte la correlazione tra il consumo di carne e le patologie del colon-retto e della prostata.

L'American Heart Association ha pubblicato alcuni risultati nei quali si afferma che le donne che avevano consumato con regolarità due porzioni al giorno di carne rossa avevano un rischio del 30 per cento più elevato di sviluppare malattie coronariche. I ricercatori PCRM hanno scoperto che mangiare carne è un fattore di rischio per il diabete.

L'American Institute for Cancer Research consiglia di ridurre e rimuovere la carne rossa e i suoi sottoprodotti, come raccomanda anche l'American Cancer Society. Anche i funzionari del governo del Regno Unito sono stati chiari nelle loro raccomandazioni ai cittadini britannici al fine di ridurre il consumo di carne rossa.

Ciò nonostante il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense ha assunto una posizione ambigua quando ha parlato di carne rossa nel 2010, nelle linee guida per una dieta ottimale; ha infatti raccomandato di ridurre i grassi trascurando di precisare che una bistecca di manzo sovraccarica le arterie con il 155% della razione giornaliera massima di grassi saturi e il 152% del colesterolo massimo giornaliero.

L'industria della carne è ovviamente preoccupata per i profitti in calo e per questo ha chiesto al governo di creare un programma di promozione del consumo della carne di manzo.

Proprio per questi motivi strettamente economici, il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense aveva proposto un programma per stanziare fondi per la promozione e la commercializzazione delle carni bovine nel 2015. E dal momento che lo stesso Dipartimento rilascia anche raccomandazioni dietetiche nazionali, ne è scaturito un evidente conflitto di interessi.

Grazie all’intervento tempestivo del Dottor Neal D. Barnard, il programma di stanziamento fondi per la promozione del consumo della carne di manzo previsto per il prossimo anno è stato abbandonato!

Gennaio 2015

Fonte notizia:
http://www.scienzavegetariana.it/news_dett.php?id=1497



Visitata 935 volte



Condividi su


 
Ultime ricette inserite
Ultimi articoli inseriti