Logo vegan3000

Cuore umano su chip sostituisce gli animali

USA, CUORE UMANO CHE BATTE SU UN CHIP PER TESTARE NUOVI FARMACI

Lunedì, 09 Marzo 2015

I ricercatori di Berkeley: test su animali sono inaffidabili

I bioingegneri dell'University of California (Berkeley), guidati da Kevin Healy, sono riusciti a mettere un cuore umano che batte su un chip.

Una ricerca eccezionale, pubblicata sulla rivista "Scientific Reports" e corredata da un video, che è destinata a semplificare gli studi su nuovi farmaci e terapie.

Il gruppo di studiosi ha realizzato una rete di cellule muscolari cardiache pulsanti, "ospitate" in un piccolo dispositivo di silicone, che riproduce in modo efficace il tessuto del cuore umano. E non solo: gli scienziati hanno dimostrato la fattibilità di questo sistema come nuovo strumento di screening per i medicinali, testandolo con noti farmaci cardiovascolari.

Dunque, la banca degli "organi su chip" vede ora una "new entry", che rappresenta un importante passo avanti nello sviluppo di metodi accurati e più veloci per testare la tossicità e la sicurezza dei farmaci.

Il progetto è finanziato attraverso il "Tissue chip for drug screening initiative", una collaborazione lanciata dai "National institutes of health" per sviluppare chip 3D dei diversi tessuti umani. Un lavoro che punta a rivoluzionare la ricerca.

"In ultima analisi, questi chip potrebbero sostituire l'uso di animali per lo screening della sicurezza e dell'efficacia dei farmaci", sintetizza Healy.

Gli autori dello studio sono partiti da un dato preoccupante: il tasso di fallimenti associato con l'uso di modelli animali non umani per prevedere le reazioni dell'uomo a nuovi farmaci.

In gran parte questo è dovuto a differenze fondamentali nella biologia tra le specie, dicono i ricercatori.

Dettagli biologici che variano - nel numero e nel tipo - tra esseri umani e altri animali, come i canali ionici.

"Molti farmaci cardiovascolari bersagliano questi canali, quindi queste differenze spesso sfociano in esperimenti inefficienti e costosi, che non forniscono risposte precise sulla tossicità di un farmaco negli esseri umani", ha detto Healy.

"Ci vogliono circa cinque miliardi di dollari in media per sviluppare un farmaco, e il 60% di questa cifra proviene dai costi iniziali della ricerca. Utilizzando un modello ben progettato di un organo umano - aggiunge - si potrebbero ridurre significativamente la spesa e il tempo necessari a portare un nuovo farmaco sul mercato".


Fonte: Nel cuore.org



Visitata 1770 volte



Condividi su


 
Ultime ricette inserite
Ultimi articoli inseriti