Antipasti

Primi

Secondi & Contorni

Piatti Unici

Dolci

Di tutto di più

Menù per le Feste

 

Perché VEGAN?

Chi sono i veg?

Le motivazioni dei vegan

FAQ

Curiosità e
approfondimenti

Informazioni
nutrizionali

Varie

Citazioni

Materiali
da scaricare

Link

Ricerca

Disclaimer


Copyright
© 2000-2015 Vegan3000

 

horizontal rule

Copertina Cucina Etica

Scarica la cover  per la stampa - jpg  290 Kb

Copertina Cucina Diet_Etica

Copertina Cucina per mamma e bambino


MacroLibrarsi - Libri vari sulla cucina vegan
Amazon Italia - Libri e prodotti vegan
Amazon UK - Books and vegan products
Amazon France - Livres et produits végétaliens
Amazon Deutschland - Bücher und vegane Produkte
Amazon España - Libros y productos veganos

horizontal rule

Vuoi essere aggiornata/o sulle novità del sito?
Inserisci la tua e-mail
Seguici su:

Stroscia (2)
Ingredienti
Per 8 persone
1 Kg di farina di frumento
1 bustina di lievito
250 g di zucchero
½ litro d’olio di oliva
1 bicchiere di Marsala o Vermouth
la scorza grattugiata di un limone
2 cucchiai di zucchero a velo o semolato
Facoltativo: 1 manciatina di mandorle e/o nocciole
Preparazione
Passare le farina al setaccio, quindi mescolarla con lo zucchero ed il lievito.
Formare una fontana sulla spianatoia, mettere l’olio al centro poco a poco ed iniziare ad impastare.
Aggiungere il liquore, la scorza grattugiata del limone e le eventuali mandorle e nocciole sminuzzate.
Continuare a lavorare la pasta energicamente.
L’impasto deve risultare un impasto della stessa consistenza della pasta frolla.
Stendere la pasta in una teglia o in una placca, unta d’olio, allo spessore di un centimetro e cospargerla con due cucchiai di zucchero a velo o semolato.
Infornare a 200°C circa per un minimo di un'ora e mezza.
Non deve dorare.
Note
Tempo di preparazione:
15 min circa
1 ora e 30 min / 2 ore per la cottura

Ricetta tradizionale della stroscia
All’origine, le nostre nonne, sfornavano delle strosce completamente naturali, poiché non usavano il lievito artificiale, aggiungevano all’impasto il “levau” ossia farina impastata con acqua lasciata riposare per 5 giorni sotto varie coperte nel posto più riparato della casa.
Procedimento troppo lungo per i nostri giorni, l’aggiunta del lievito non ha cambiato il sapore del dolce ha solo semplificato la vita alle “prebunole”.
Dolce tipico della Liguria di Ponente, caratteristico per l’impiego di olio d’oliva al posto del burro; “strosciare” in ligure significa spezzare, rompere; infatti questa torta è talmente friabile che non si riesce facilmente a tagliarla a fette ben composte, è uso romperla “tipo sbrisolana”.

Fonte: http://www.comunepietrabruna.it/italiano/Ricetta_stroscia.htm
 

horizontal rule

Copyright Vegan3000 - Non è consentita la riproduzione senza citare la fonte e il link, né per qualsiasi scopo di lucro.
Lavoriamo gratis per gli animali ma non per i disonesti.  :-)
(Se non citi la fonte, la fonte ti cita!)

horizontal rule

Mi piace e condivido su facebook
 

Vota la ricetta: 

 

Indice di gradimento: Visitata 1253 volte

Slurposissima 0
Gustosa 0
Palatabile 0
Insomma... 0
Schifida 0

horizontal rule

 
Suggerimenti dei visitatori:
Nessuno

Vuoi lasciare qualche suggerimento
dopo aver provato la ricetta?

Nome:
e-mail:


horizontal rule