Logo vegan3000

Toxoplasmosi: gatti innocenti


Una delle preoccupazioni più frequenti delle donne incinte è la presenza di un gatto in casa, per via della possibilità di trasmettere la toxoplasmosi (malattia che può causare gravi malattie al feto).
Una recente ricerca sul British Medical Journal afferma invece che "i contatti con i gatti non sembrano essere tra i principali fattori di contaminazione".
Nello studio, effettuato su 263 donne ammalate, si è visto che oltre il 65% aveva contratto la toxoplasmosi da carni crude o poco cotte, e il 10% da contatti con la terra.
In Europa, la malattia colpisce 10 neonati su 10.000; le carni "incriminate" sono soprattutto quelle di manzo e vitello.

Fonte: Airone n. 234 - Ottobre 2000 - pag. 36



Quali sono invece le principali fonti di rischio, dalle quali non ci si può difendere come singoli?

"Ricerche recenti hanno dimostrato che sono in primo luogo le carni, non soltanto la carne cruda nella forma tipica del carpaccio, ma tutta la carne cruda o poco cotta, dalla bistecca al sangue, alle salsicce, ai salumi, alle carni precotte il cui consumo si sta diffondendo... anche se meno frequente, il consumo di latte non pastorizzato".

Fonte: "Le malattie infettive del gatto",
compendio di veterinaria, volume 2




Visitata 6398 volte



Condividi su


 
Hai già provato queste ricette?
Hai già letto questi articoli?