Logo vegan3000

Storie di animali

di Franco Libero Manco

La stampa francese nel 1975 riporta l’episodio di un cagnolino investito da un’auto e lasciato in mezzo alla strada di una grande città. Langue al suolo, si lamenta e rischia di essere stritolato da altre vetture che sopraggiungono. Ma ecco un pastore tedesco che corre verso il cagnolino, lo afferra per il collo e lo trasporta sul marciapiede. Poi lecca le sue ferite e gli resta vicino in attesa di aiuto. Plutarco scrive che l’anima degli animali è più perfetta di quella dell’uomo e meglio disposta riguardo alla virtù

Un contadino seppellì vivi in giardino 4 gattini appena nati all’insaputa di mamma gatta. La gatta si mise subito cercarli. Individuato il punto in cui erano stati sepolti incominciò a scavare con le zampe, ma non riuscendovi andò a chiedere aiuto ad un grosso cane mastino. Il cane si mise a fiutare e con le sue possenti zampe in breve liberò i gattini ancora in vita. Il contadino decise di tenerli.

Sugar, un gatto americano di razza persiana i cui padroni avevano lasciato la Californiua per andare in Oklahoma attraverso l’Arizona, il Nuovo Messico e il Texas del nord. Dopo alcune centinaia di chilometri si accorgono che Sugar era sparito dal sedile posteriore dell’auto, sicuramente era saltato giù dal finestrino aperto. Lo cercarono per un po’ poi proseguirono secondo il percorso programmato. 14 mesi dopo un gatto fa irruzione dalla finestra della cucina e va ad aggomitolarsi sulla spalla della padrona di casa, che riconosce subito Sugar. Accarezzandolo sente sul fianco dell’animale un’escrescenza ossea provocata da 2.500 km circa che il gatto aveva dovuto percorrere per ricongiungersi con i suoi padroncini.

La vicenda della gattina Amado completamente cieca fu riferita dalla Società per la Protezione degli animali di Marsiglia. Una vecchia contadina sentendosi prossima alla morte, affidò la propria gattina ad un’amica che abitava sulla riva opposta del Rodano, a circa 25 km di distanza. 15 giorni dopo la contadina ode dei gemiti davanti alla porta. Apre ed eccole farsi incontro la gattina di una magrezza impressionante. Come avrà potuto trovare la strada attraverso le colline cosparse di sterpi e di cespugli? Come ha potuto attraversare il fiume dato che il Rodano misura 20 km di lunghezza e l’unico varco è un ponte?

Ruth Whittlesey, direttrice di un convalescenziario in California, nel 1940 fu chiamata d’urgenza nel cuore della notte al capezzale di uno dei ricoverati nella casa di cura. Per raggiungere il poveretto agonizzante dovette attraversare un parco scarsamente illuminato e spesso frequentato da gente malfamata. Appena incominciò a percorrere i viali del parco due uomini cominciano a seguirla. Nello stesso momento Nigel, un collie bianco, il suo temibile cane da guardia, spuntò da un cespuglio e si frappose fra lei e i malfattori e questi rinunciarono allo loro aggressione. Il cane scortò la padrona fino ad una zona ben illuminata e sparì improvvisamente. Quando Ruth si fu ripresa dallo spavento realizzò che Nigel era morto l’anno precedente.

La moglie del dottor Wotzel di Chemnitz era morta da alcune settimane quando vide la sua immagine nella camera da letto che sorridendo gli diceva: “Karl…sono immortale…ci rivedremo…” poi la forma si dileguò. Il dottore stentava a credere che la sua amata fosse viva e riusciva anche a comunicare con lui. Ma i dubbi lo assalivano:è troppo bello per essere vero. Sono stato vittima di un’allucinazione. Ma la signora riapparve una seconda volta, ma questa volta era presente il cane di casa Baldour che andò incontro allo spirito della donna che si mise a girare e saltellarle intorno agitando freneticamente la coda ed emettendo guaiti di sorpresa e di gioia.

Nel 1960 in Francia una famiglia si appresta a partire per il week-end, ma all’ultimo momento il cane dei bambini che in genere adorava queste gite, rifiuta ostinatamente di salire in macchina. Alla fine decidono di partire senza di lui. Un incidente stradale falcia tutta la famiglia, nessun superstite, eccetto il cane.



Visitata 1748 volte



Condividi su


 
Hai già provato queste ricette?
Hai già letto questi articoli?