Logo vegan3000

Test cosmetici: l'Europa sfida il mondo

Lo stop ai test sugli animali per i cosmetici.
L'Europa sfida il mondo con regole nuove
Dopo il bando del Parlamento Ue ai prodotti ottenuti con la vivisezione - in vigore da domani - i concorrenti dovranno adeguarsi se vorranno esportare nel vecchio continente. E la Lav festeggia
di ANTONIO CIANCIULLO

ROMA - Dopo più di 20 anni di battaglie, rossetti, creme e fondi tinta ricavati ustionando e avvelenando conigli e cavie sono fuori legge. Il bando totale per i cosmetici ottenuti con l'uso della vivisezione, in vigore da domani in tutta l'Unione europea, rappresenta certamente una vittoria del movimento che difende i diritti degli "altri animali", cioè dei milioni di specie con cui condividiamo il pianeta. E infatti la Lav (Lega anti vivisezione) festeggerà nel pomeriggio al Pantheon.

Ma la decisione del Parlamento europeo è un atto che va al di là di questo specifico settore. E' un punto di svolta importante, oltre che dal punto di vista etico, per due motivi. Il primo riguarda la difesa dei cittadini: i nuovi test che usano metodologie alternative alla vivisezione, secondo molte associazioni, sono più efficaci dei vecchi sistemi.

E' un campo controverso, con pareri divisi all'interno della comunità scientifica. Ma si sta rafforzando l'approccio che punta ad arrivare alla sicurezza attraverso test basati su colture cellulari, sulla ricostruzione della pelle umana e su software avanzati invece che attraverso tecniche cruente su animali vivi. Anche perché specie diverse possono avere risposte diverse alla stessa esposizione chimica.

Il secondo motivo riguarda il ruolo dell'Europa e la sua possibilità di ritrovare una leadership globale. La Cina ad esempio è uno dei pochi paesi con una legge che rende obbligatori i test sugli animali per la produzione di nuovi cosmetici. La manterrà? La pressione cresce, come dimostra la campagna Be Cruelty-Free lanciata dall'associazione Humane Society International in vari paesi per estendere il bando dell'uso della vivisezione per la produzione di mascara e creme anti rughe.

Nel settore dei cosmetici l'Unione europea, il principale mercato del mondo, ha scelto una direzione di marcia, ha stabilito regole del gioco basate su un ampio consenso, ha imposto parametri basati su un'accelerazione innovativa legata a una forte motivazione etica. Non è la vecchia difesa commerciale basata sui dazi: è una sfida verso il futuro. Ora i concorrenti dovranno adeguarsi se vorranno esportare nel vecchio continente.

Un modello che potrebbe ripetersi in altri campi, a cominciare dalla battaglia per una società low carbon, mirata alla difesa della stabilità del clima e alla lotta contro la crescita degli eventi meteo estremi, che l'Europa ha guidato dagli anni Novanta e che oggi potrebbe aiutare il continente a uscire dalla crisi.

(10 marzo 2013)


Fonte: http://www.repubblica.it/ambiente/2013/03/10/news/europa_svolta_cosmetici-54261580/



Visitata 1318 volte



Condividi su


 
Hai già provato queste ricette?
Hai già letto questi articoli?