Logo vegan3000

Come sfrattare piccoli ospiti indesiderati

COME SFRATTARE PICCOLI OSPITI INDESIDERATI
SENZA METODI CRUENTI

Formiche in casa.

Una pianta di melissa sui davanzali le terrà distanti grazie al suo aroma di limone. Sistemate alcuni rametti di salvia sugli scaffali della dispensa: le formiche rosse se ne andranno.

Sul terrazzo e nei vialetti.
Le formiche traslocheranno in fretta se spargete sale grosso da cucina. Oppure fate macerare nell'acqua per una notte intera uno spicchio d'aglio schiacciato e spruzzate il liquido dove camminano. Le foglie e i rami delle piante di pomodori hanno anche un odore repellente.

Pesciolini argentati.
Se avete il problema dei famigerati e famelici "pesciolini d'argento" (gli insettini mangia-libri), rimediate piazzando dietro ai libri appena spolverati, numerose foglie d'alloro.

Mosche.
Un vasetto di tagete sui davanzali e le correnti d'aria le tengono lontane. Se questi accorgimenti non bastano, versate alcune gocce di olio di alloro su un piattino.

Zanzare.
Se vi perseguitano nelle ore notturne, prima di andare a dormire strofinatevi la pelle con qualche foglia di menta.

Tarme.
Per tenerle lontane dal vostro guardaroba appendete un sacchettino di tela con dentro alcuni aromi naturali essicati: grani di pepe, un po' di alloro, lavanda e chiodi di garofano.

Pulci.
Gli aghi di pino freschi, sistemati sotto la coperta della cesta o nella cuccia del cane le tengono lontane.

Zecche.
L'essenza di geranio o la tintura madre di sabadiglia, pianta erbacea delle Liliacee con fiori gialli, sono particolarmente efficaci contro le zecche su gatti e cani.

Scarafaggi.
Si combattono con l'acido borico e la pulizia accurata. L'insetto prolifera in ambienti umidi. Attenti alle perdite d'acqua.

Nell'orto.
Le erbe aromatiche sono tra i migliori rimedi naturali: menta, salvia, aneto e timo proteggono broccoli, cavolfiori e cavoli, Cipolla e aglio tengono lontani i parassiti da insalate, prezzemolo, fagiolini.

Lumache.
Spargete una buona quantità di crusca lungo i vialetti delle semine, oppure contornate le piantine con della cenere, le terrà lontane. Rinnovate la spolveratura dopo la pioggia. La cenere bagnata é inefficace.

Un pipistrello entra in casa.
Non sono animali pericolosi, ma creature timide che reagiscono aggressivamente solo se messe alle strette. Non si attaccano assolutamente ai capelli della gente: si tratta di una falsa credenza. La cosa migliore da fare è spalancare ogni finestra che dà all'esterno e lasciarlo tranquillo per un pò. Troverà da solo la strada per uscire. Se dovesse incontrare delle difficoltà, lo si può dirigere verso l'uscita agitando una scopa in alto e sfruttando la sua capacità di ecolocazione.

Un ragno entra in casa.
Anche i ragni non rappresentano un problema, ma se vogliamo mandarli via dalla nostra abitazione senza ucciderli, un buon metodo consiste nel prendere un bicchiere di vetro e bloccarlo poggiandolo sul muro o sul pavimento. A questo punto, con una cartolina illustrata o qualsiasi altro pezzo di cartoncino sottile, si fa scorrere lo stesso fra il muro e il bordo del bicchiere, in modo tale da poterlo spostare. Poi una volta fuori dall'abitazione si può posare il bicchiere, togliere il pezzetto di cartone, permettendo al ragno di allontanarsi indenne.

Troviamo delle trappole nel bosco.
Una buona cosa è quella di allontanarsi velocemente dal punto in cui sono state rinvenute, andare ad avvisare immediatamente il Corpo Forestale dello Stato, che può approntare un servizio di vigilanza per identificare il bracconiere quando va ad ispezionare la trappola.


Tratto dalla rivista "Spendere Meglio" - Aprile 2003



Visitata 4737 volte



Condividi su


 
Hai già provato queste ricette?
Hai già letto questi articoli?