Logo vegan3000

Frittelle dolci di semolino

Ingredienti

1 litro di latte di soia aromatizzato alla vaniglia
220 g di semolino
½ tazza di uvetta
6 cucchiai di malto di grano
2 cucchiai di maizena (amido di mais)
buccia grattugiata di 1 limone
pane grattugiato
1 pizzico di sale marino integrale fino
olio extravergine di oliva per friggere

Preparazione

Le frittelle dolci di semolino sono una ricetta della cucina piemontese, tradizionalmente a base di latte e uova, ma ora da me riformulata appositamente in chiave vegan, in ricordo della mia infanzia, quando la nonna le preparava per tutti noi nipotini.
 

Ammollate l’uvetta in una tazza con del latte di soia.
Grattugiate la buccia di limone, che dev’essere non trattato e biologico.
Sciogliete la maizena in 1/2 bicchiere di latte di soia e fate scaldare il latte restante assieme al malto, all’uvetta e con un pizzico di sale che servirà a esaltare il sapore dolce.
Quando inizia il bollore abbassate la fiamma al minimo, unite il latte dove avete sciolto la maizena, versate a pioggia il semolino e lasciate che si addensi, mescolando continuamente una decina di minuti o poco più.
Per ultimo unite la buccia di limone grattugiata.
Quando il composto si sarà addensato, spegnete il fuoco, trasferitelo su una teglia precedentemente cosparsa di pane grattugiato e, servendovi del dorso di un cucchiaio, cercate di livellare la superficie dell’impasto: a questo scopo inumidite di volta in volta il cucchiaio in una scodella di acqua affinché non si appiccichi.
Ricoprite la superficie dell’impasto con dell’altro pane grattugiato e stendetelo servendovi di un mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa un paio di cm.
Lasciate raffreddare e poi riponete in frigorifero almeno un paio di ore, finché il composto non sarà diventato consistente.
Quando si sarà ben raffreddato, tagliatelo a rombi e passateli di nuovo nel pane grattugiato, avendo cura di distribuirlo su tutti i lati.
Friggete le frittelle così ottenute nell’olio bollente, facendole dorare su entrambi i lati.
A cottura ultimata asciugatele con della carta assorbente da cucina per togliere l’olio in eccesso.
Fredde sono ancora più buone!

Variante
Per una preparazione più veloce o anche solo per cambiare, al posto delle frittelle preparate delle allegre palline di piccolo diametro da friggere nell’olio bollente: fatele dorare uniformemente in modo che diventino croccanti in superficie restando però morbide all’interno.
Saranno apprezzatissime dai bambini… e non solo!


Ti è piaciuta questa ricetta?
Lascia il tuo voto e/o il tuo commento Grazie!


Condividi su


Note

Thanks to Emanuela Barbero, webmaster di Vegan3000 e autrice di libri di cucina vegan


NOTA: Questa ricetta in versione vegan è stata appositamente rielaborata e scritta nel 2006 da Emanuela Barbero, partendo dalla ricetta della propria nonna paterna di un dolce tradizionale piemontese.
Nel 2009 la stessa ricetta è stata copiata e pubblicata letteralmente e illegittimamente da un'altra persona, senza alcuna autorizzazione, in un libro di ricette vegan per bambini successivamente oggetto di causa giudiziaria e per questo motivo oggi non più in commercio.
I giudici hanno verificato i fatti e riconosciuto il plagio a nostro danno e nel 2013 hanno emesso la sentenza di condanna per plagio-contraffazione disponendo la distruzione del libro pubblicato illegittimamente con il nostro lavoro (in tutto circa 170 ricette preparate e scritte da Emanuela Barbero); inoltre hanno condannato la persona che si è resa responsabile del plagio e il suo editore al risarcimento del danno e di tutte le spese legali, stabilendo una elevata penale per ogni singola violazione del divieto di produzione e vendita del libro oggetto di causa.
Nel 2014 la sentenza di primo grado è passata in giudicato, diventando definitiva (sentenza del Tribunale di Milano n. 12344/2013).

Ogni ulteriore violazione dei nostri diritti sarà perseguita a termini di legge.

Gradimento  

Vota questa ricetta



Visitata 7010 volte

Gradimento   

Commenti dei visitatori  

Inserisci il tuo commento



Nessun commento

 
Hai già provato queste ricette?
Hai già letto questi articoli?